arrow-down arrow-down-double arrow-left-double arrow-right-double arrow-up arrow-up-double heart home menu movie profile quotes-close quotes-open reblog share behance deviantart dribbble facebook flickr flipboard github social-google-plus social-instagram linkedin pinterest soundcloud spotify twitter vimeo youtube tumblr heart-full website thumbtack lastfm search cancel 500px foursquare twitch social-patreon social-vk contact

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.

What's a cookie? Got it!
Crazy Cruises
Loading

Crazy Cruises

Mostrando 74 post taggati crociere MSC
Israele: alla scoperta di Cesarea e Haifa

Israele: alla scoperta di Cesarea e Haifa

bahai-Israele: alla scoperta di Cesarea e Haifa

Nella mia lista dei luoghi da visitare almeno una volta nella vita non poteva certamente mancare la Terra Santa e da qui alla scelta di intraprendere il viaggio organizzato dalla MSC Crociere che ci avrebbe portato a scoprire in due giorni molto intensi questo Paese, il passo è stato breve.

Panorama dal Monte Carmelo

Partendo nel periodo pasquale, l’intenzione era quella di visitare i luoghi dove tutto ebbe inizio per noi…

View On WordPress

View post
MSC Seaside varata a Monfalcone

MSC Seaside varata a Monfalcone

La sua poppa non passa di certo inosservata ed è il principale argomento di discussione nei vari gruppi social che ospitano la notizia di questo fine settimana nel settore crociere, ossia il varo a Monfalcone di MSC Seaside: la nave da crociera più grande mai realizzata in Italia, ha finalmente toccato l’acqua nel bacino dove Fincantieri sta costruendo il primo dei prototipi di classe Seaside per MSC Crociere.

MSC Seaside varata a Monfalcone

La nave ha un valore di circa 700 milioni di euro: una stazza lorda che si aggira sulle 154.000 tonnellate, avrà a disposizione ben 2.067 cabine per ospitare 5.179 passeggeri che potranno apprezzare a bordo, tutte le meraviglie di questa nave ‘che segue il sole‘.

MSC Seaside varata a Monfalcone

In consegna per la fine di novembre del prossimo anno, farà subito rotta verso Miami, suo homeport che ne ospiterà il battesimo e da dove offrirà crociere verso i caldi Caraibi.

MSC Seaside varata a Monfalcone

Una scelta voluta, poiché a bordo della MSC Seaside si potrà godere in tutto e per tutto dell’ambiente esterno, grazie alla sua conformazione particolare che permette di apprezzare particolarmente la navigazione in climi caldi, grazie alla magnifica passeggiata all’aperto, verso cui si apriranno negozi, ristoranti e locali vari, e con ascensori panoramici con vista sulla scia della nave, pavimenti in vetro che permetteranno di osservare il mare sottostante e un parco acquatico gigante.

La sua gemella, la MSC Seaview, sarà pronta nel giugno del 2018, con una terza opzione sulla stessa classe di navi nel 2021.

This slideshow requires JavaScript.

Durante la cerimonia, Pierfrancesco Vago, presidente esecutivo MSC Crociere, ha dichiarato:

“Questo è un pilastro centrale nel piano industriale da 9 miliardi di euro di MSC Crociere che prevede la costruzione di 11 navi che entreranno in servizio tra il 2017 e il 2026.

MSC Seaside è stata specificamente progettata per offrire ai nostri ospiti un’esperienza a bordo unica, nelle regioni più calde, e vanta una delle più alte percentuali di spazio esterno nel settore, che permetterà  agli ospiti di godere di una serie di attività all’aria aperta, come ad esempio la magnifica vista sul mare nella privacy di una delle tante cabine con balcone”.

This slideshow requires JavaScript.

Cena di gala

Cena di gala

Questa fase nella costruzione di una nuova nave, è davvero importante, in quanto, una volta rimasta a galla nel bacino, la nave viene poi spostata in darsena, dove si completerà l’allestimento finale. Si passerà dal terminare gli esterni a rifinire gli interni, fino al momento della consegna ufficiale all’armatore, altra tappa rilevante.

MSC Seaside varata a Monfalcone

Pics via Twitter – @AntonyParadiso, @KielDolphin, @GiantChimp, @CruisesNewsMG –

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo :)

26/11/2016 ore 15.00 – “Post protetto da Licenza Creative Commons International CC BY-ND 4.0″

MSC Seaside varata a Monfalcone La sua poppa non passa di certo inosservata ed è il principale argomento di discussione nei vari gruppi social che ospitano la notizia di questo fine settimana nel settore crociere, ossia il varo a Monfalcone di…
View post
MSC Seaside pronta al float out!

MSC Seaside pronta al float out!

Si apre con la giornata odierna la due giorni di cerimonie che la MSC Crociere ha previsto per il tanto atteso varo della MSC Seaside, la più grande nave da crociera mai realizzata in Italia, in costruzione presso il cantiere di Monfalcone di Fincantieri.

MSC Seaview è il nome della seconda unità Seaside!

Con una stazza lorda di circa 154.000 tonnellate, MSC Seaside è parte della nuova generazione di navi della Compagnia, un concentrato di…

View On WordPress

View post
MSC Yacht Club, l'esclusivo paradiso di raffinatezza!

MSC Yacht Club, l’esclusivo paradiso di raffinatezza!

MSC Yacht Club coccole

Presente nelle navi di Classe Fantasia della flotta MSC Crociere, lo Yacht Club è sinonimo di viaggio esclusivi, esperienza all’insegna del lusso, della massima discrezione e della tranquillità; ed è proprio il sito web della MSC Crociere che nel descrivere questa tipologia di esperienza la definisce così  e devo dire, dopo la mia visita allo Yacht Club della MSC Preziosa, posso affermare che lì…

View On WordPress

View post

Riconosciuta dall’Unesco come Patrimonio Mondiale dell’Umanità, Rodi è la più grande isola del Dodecanneso ed ogni anno viene presa d’assalto da centinaia e centinaia di turisti pronti ad apprezzarne il mare cristallino, le spiagge bianche, siti e musei archeologici.

Rodi

Per via del lavoro, della scuola o altro, molti di noi sono costretti a viaggiare in estate ma, se ne avete la possibilità, vi posso assicurare che anche in altri periodi dell’anno, la città soddisferà le vostre aspettative.

Personalmente sono giunta sull’isola fuori stagione (era marzo per l’esattezza) grazie ad uno scalo effettuato dalla MSC Fantasia durante il nostro viaggio “Grecia-Israele”, e non potendo fare il bagno in quanto ancora troppo fredda l’acqua (anche se devo dire il sole per essere il mese di marzo bruciacchiava abbastanza, tanto da dover mettere la protezione solare!), ne ho apprezzato molto il suo fascino di città medievale.

Rodi

La nave attracca al porto di Mandraki: qui secondo antiche leggende, dopo la vittoria dei rodesi sulle truppe del figlio di Alessandro Magno che voleva conquistare la città, venne eretto il famosissimo Colosso di Rodi, imponente statua dedicata al dio Helios (suo protettore), poi crollata a causa di un fortissimo terremoto qualche anno dopo la sua costruzione.

Non sappiamo quanto sia vera la leggenda ma sicuramente oggi all’ingresso del porto potrete ammirare due colonne con in alto la statua di due cervi in bronzo simbolo della città e sempre al porto, volgendo il vostro sguardo verso il molo San Nicola, noterete dei mulini a vento tipici delle isole greche.

Rodi

Con una breve passeggiata entriamo alla scoperta della città medievale attraverso la porta più vicina al porticciolo, da dove entrano tutti i crocieristi, ovvero Porta Marina. Scommetto di non essere la sola che si è fatta la foto con i delfini all’ingresso delle mura.

Rodi

Vi consiglio di prendere la mappa della città presso uno dei tanti totem che troverete all’ingresso delle porte principali, questo vi aiuterà sicuramente ad individuare e raggiungere i luoghi di maggiore interesse.

Una volta dentro le mura, ci sono tante cose da visitare molte di interesse storico-architettonico, lo stile gotico qui la fa da padrone, ma la mia chiamiamola spensieratezza/frivolezza ha prevalso e sono stata colpita in un primo momento più che dalle pietruzze con cui era lastricata la strada, o dalla imponente fortificazione che ha protetto per vari secoli la città, dalle facciate delle prime case non appena arrivati nella piazza principale, sicuramente molte delle quali ricostruite e ben tenute dai loro proprietari, i quali hanno voluto un po’ giocare con la moda del momento abbellendo con piante e fiori di ogni colore le balconate e le finestre, affinché fossero immortalate in uno scatto dal passante (in questo caso è venuta fuori la cinese che è in me, giuro ho provato a trattenerla!); anche i porta vasi erano tutti colorati, in una perfetta armonia tanto da far sentire noi stranieri avvolti da una velata accoglienza familiare.

Rodi

Siamo entrati nelle mura che ancora la città doveva svegliarsi e qualche negoziante iniziava ad aprire mettendo già fuori il suo banco dei souvenir, delle borse, delle collane, delle spade dei cavalieri e altre chincaglierie di ogni genere che i turisti più tardi avrebbero acquistato come ricordo di una giornata trascorsa qui.

Rodi

E’ stato bello vedere come durante il giorno il silenzio della città piano piano svaniva facendo posto alla vita vera, rumorosa e chiassosa del vociare della gente ed le risate dei bambini che giocavano ruotando intorno alla fontana con i cavallucci marini.

Rodi

Non appena ritornata seria, è iniziato il nostro “tour fai da me” con la visita del Palazzo dei Grandi Maestri sito nel cuore nevralgico del “Collachium“.

Rodi

Con 6 euro siamo entrati in quella che fu per un periodo la residenza di Mussolini e qui ne sono restata a bocca aperta non solo nell’ammirarne l’esterno davvero imponente ma anche l’interno che presenta un grande porticato lastricato di pietre di marmo, per non parlare delle stanze che custodiscono preziosi pavimenti ricoperti di mosaici provenienti dalla vicina Kos e pregiati vasi giapponesi, donati dell’imperatore Hirohito.

Rodi

All’uscita del palazzo percorrendo Via dei Cavalieri, la mia attenzione è stata catturata dai vari edifici posti ai lati della strada: si tratta di 4 ostelli in cui dimoravano i cavalieri di ritorno dalle crociate, chiamati comunemente Ostelli delle Lingue qui potrete ammirare i vari stemmi posti sulle facciate dei palazzi da quello della Provenza a quello di Francia, da quello della Spagna a quello dell’Italia.

Rodi

Altro importante palazzo da non perdere posto in piazza Moussiou è il Grande Ospedale dei Cavalieri che attualmente ospita il Museo Archeologico dove è possibile ammirare resti propri dell’ospedale come i letti dei malati, il refettorio, le cucine e reperti provenienti da tutto il Dodecanneso fra cui spicca per maestosità e bellezza la magnifica statua in alabastro raffigurante la Dea Afrodite.

Rodi

Passeggiando tra gli stretti vicoli cercando di coglierne i particolari ancora intatti della città vecchia, alzando lo sguardo, ecco un minareto a testimonianza della dominazione turca, si tratta della Moschea di Solimano il Magnifico costruita dopo la presa di Rodi da parte degli Ottomani; oltre alla moschea, di particolare importanza potrete ammirare l’eleganza e la maestosità del bagno turco, che ha la particolarità di avere giorni dedicati agli uomini ed altri alle donne.

Rodi

La nostra passeggiata è proseguita all’esterno delle mura, grazie alla bellissima giornata abbiamo percorso tutto il perimetro intorno alla fortificazione: bastioni, cunicoli, porte d’accesso, ponticelli, tutto circondato da finissimi ed eleganti fiori appena sbocciati segno di una primavera alle porte; bellissimi scorci, che non potevo non fotografare.

Rodi

Sicuramente Rodi è un’isola incantevole e a tratti romantica, con una città che ci ha permesso di godere delle sue bellezze calandoci completamente in un’atmosfera medievale che non ci aspettavamo avendo sempre sentito parlare del suo mare e delle sue spiagge.

Rodi

La sua storia, i suoi palazzi ed i suoi tesori custoditi dentro le possenti mura ben si amalgamano con la città nuova che si estende al di fuori delle sue antiche mura.

Rodi

Alla prossima tappa!

Hai trovato interessante questo articolo? Lascia il tuo mi piace o un tuo commento o una tua condivisione per aiutarmi a crescere: a te non costa nulla, a me aiuta tantissimo :)

28/10/2016 ore 22.00 – “Post protetto da Licenza Creative Commons International CC BY-ND 4.0″

Rodi: una città medievale da scoprire anche fuori stagione Riconosciuta dall’Unesco come Patrimonio Mondiale dell’Umanità, Rodi è la più grande isola del Dodecanneso ed ogni anno viene presa d’assalto da centinaia e centinaia di turisti pronti ad apprezzarne il mare cristallino, le spiagge bianche, siti e musei archeologici.
View post

Sono tante le persone che mi chiedono cosa mi attira della vacanza in crociera, ed ogni volta sto lì ad elencare le mie motivazioni, dal buon cibo, al relax totale, dalle serate a tema, all’essere coccolata prima ancora del momento dell’imbarco, ma quella che metto sempre al primo posto, il vero motivo per cui adoro viaggiare per mari, è il fatto di attraccare ogni mattina in un porto diverso, poter scendere e visitare nuovi posti e quando giunge la sera salpare per una nuova meta!

Creta in crociera

È vero, i tempi sono stretti e non si può vedere tutto in poche ore, ma ogni volta che la nave molla gli ormeggi, lascio un pezzetto del mio cuore in quei posti e porto con me tanti ricordi, ed è in quel preciso momento che mi prometto di ritornare.

Così è stato per Creta dove tra miti, leggende, storie, spiagge e vedute incantevoli, si conferma essere l’isola che mi ha colpita di più proprio perché l’ho trovata la più completa, quella pronta ad accontentare tutti gusti!

Creta in crociera

Infatti:

  • gli amanti del mare potranno noleggiare scooter e scorazzare fra le viuzze dell’isola alla ricerca di qualche caletta incontaminata dove prendere il sole;

  • chi vorrà rilassarsi potrà farlo sorseggiando un buon aperitivo in uno dei tanti bar del centro;

  • gli appassionati di storia potranno girovagare per la città che è ricca di monumenti o addirittura recarsi nella vicina Cnosso per visitare il sito archeologico più famoso dell’isola.

Creta in crociera

Regione dal clima tipicamente Mediterraneo, si presta ad essere visitata in qualsiasi periodo dell’anno ma credo che i periodi migliori siano la primavera e l’autunno e noi siamo stati ben felici di visitarla nel mese di aprile grazie ad una sosta abbastanza lunga che ha effettuato la MSC Fantasia nel nostro viaggio di ritorno da Israele.

Attraccati di buon mattino al porto di Heraklion, o Candia, inizia il nostro tour “fai da me” e come prima tappa, la visita al sito archeologico di Cnosso che dista 5 km dal centro.

Creta in crociera

Varie sono le possibilità per raggiungere il sito se deciderete di non acquistare l’escursione della compagnia

  • Taxi , dove ho sentito dai nostri amici a cena il costo si aggira intorno ai 20€;

  • Autobus cittadino che parte direttamente dal porto (c’è un chioschetto dove vendono i biglietti e potrete scegliere se fare il biglietto per la sola città o città+ Cnosso).

Se come noi, anche per voi è la prima volta nell’isola, vi consiglio di far tappa prima di tutto al sito archeologico in quanto è sempre molto affollato, noi abbiamo fatto una fila di 30 min in biglietteria; qui potrete scegliere se visitare a:

  • 15€ solo sito archeologico

  • 16€ sito + museo archeologico che si trova in centro città ad Heraklion; praticamente con 1€ in più, avrete la storia di Creta e della Grecia davanti agli occhi rivivendo con questa visita completa la storia di Minosse, il filo di Arianna e del Minotauro;

Per chi vuole, qui è possibile prendere anche una guida che vi catapulterà nella magia di questo posto misterioso e leggendario; lo consiglio vivamente se non siete arrivati preparati, altrimenti vi sembrerà di fare una passeggiata fra antiche rovine senza comprenderne la storie e la bellezza.

Il palazzo, centro politico, religioso ed economico è immenso: si estende su di una superficie di 22.000 metri quadrati, arrivava ad ospitare fino a 12 mila persone con le sue quasi 1300 stanze dove sono visitabili gli alloggi del re, della regina, la sala del trono (che sicuramente ricorderete dai libri di scuola); qui l’immagine del toro è ovunque (consiglio una ripassatina del mito!); salite e scendete per le varie scale su e giù, visitate tutte le stanze non solo quelle “nobiliari” ma anche la parte domestica dove troverete una miriade di giare, così da assaporarne la vera essenza e vi renderete conto della enorme estensione del sito,tanto da esclamare ad un certo punto della vostra visita “Mah è un labirinto!”

Creta in crociera

Dedicate a questa visita almeno 2 ore; sarà che la Grecia e la sua storia mi hanno sempre affascinato ma lo scenario del paesaggio è emozionante, ricco nei colori delle colonne e delle mura affrescate (famosissima la tonalità del rosso), da lasciare a bocca aperta se si pensa che risalgono a 3000 anni fa.

Conclusa la visita al sito archeologico e fatto un doveroso giro fra le bancarelle e i vari negozietti che si trovano proprio all’ingresso per acquistare qualche souvenir, riprendiamo il bus cittadino che ritorna verso il porto decidendo di fare una capatina in centro, dove ci aspetta il museo che completa ed arricchisce la visita.

Creta in crociera

Ci fermiamo nella centralissima Plateia Eleftherias (piazza della libertà) qui si fermano tutti gli autobus ed il museo archeologico è proprio di fronte (la struttura ricorda quella di una stazione): qui viene custodita la più grande raccolta di arte minoica del mondo.

Disposto su due piani, i libri di storia dell’arte vi si materializzeranno davanti ai vostri occhi:

  • il piano terra è dedicato all’arte minoica dove il reperto a mio avviso più importante e che balzerà ai vostri occhi (anche perché posto in una teca centrale) è il famosissimo Disco di Festo, ma sicuramente verrete colpiti anche dall’anello in oro del re Minosse, gli orecchini con le api, ciondoli, collane e forcine per i capelli;

  • il secondo piano conserva tutti gli affreschi ritrovati all’interno del palazzo, qui ritroverete scene di giochi con i tori, soggetti marini, immagini di donne ecc…

Dedicate al museo almeno 1 ora ne varrà sicuramente la pena.

Creta in crociera

Visto che avevamo ancora qualche ora prima di far rientro in nave, decidiamo di dedicare tutto il restante tempo al centro cittadino, che potrei definirlo come colorato, vivace, ricco di monumenti e storia, quartieri moderni e piazze raccolte in ogni angolo.

Cinta di mura lunghe 5 km risalenti al 1500 che racchiudono la città, Heraklion è dotata di varie porte d’acceso e bastioni, quello più conosciuto è il Bastione Martinengo (a sud) dove si trova la tomba di Nikos Kazantzakis autore di “Zorba il greco”.

Creta in crociera

Colonia della Repubblica Veneziana tra il 1212 ed il 1669, ritroviamo, all’ingresso del porto, a conferma della presenza della Serenissima in questa terra, i due Leoni veneziani ed il Castello a mare, mentre in centro è possibile ammirare le due fontane più importanti ovvero Fontana Bembo, la più antica fontana dallo stile romano-veneziano in città (era chiusa per lavori di restauro), e Fontana Morosini che raffigura vari soggetti mitologici (dalle ninfee, ai delfini, mostri marini ecc..).

Addentrandoci per le varie stradine interne non potevamo mancare la visita alla Chiesa di San Tito, la chiesa custodisce al suo interno la testa del Santo e per questo è più importante per i cretesi.

Creta in crociera

Richiamati dalla musica di strada, arriviamo fino alla Loggia Veneziana ( sede del municipio) dove dei ragazzi avevano allestito uno spettacolino, e comodamente seduti in una delle tante caffetterie assaggiamo i famosi Bougatsa, ovvero dei pasticcini di cui ne esistono varie versioni dalla dolce alla salata, sorseggiando una calda tazza di thè; Che spettacolo rilassarsi in una delle piazze con vista monumenti osservando i cretesi e vivendo l’aria della città!

Creta in crociera

Non vedo l’ora di poter dedicare un’intera settimana di vacanza in questa terra della quale devo ancora scoprire molto.

Alla prossima tappa!

Il Hotel Creta

Creta tra mito,storia e modernità Sono tante le persone che mi chiedono cosa mi attira della vacanza in crociera, ed ogni volta sto lì ad elencare le mie motivazioni, dal buon cibo, al relax totale, dalle serate a tema, all’essere coccolata prima ancora del momento dell’imbarco, ma quella che metto sempre al primo posto, il vero motivo per cui adoro viaggiare per mari, è il fatto di attraccare ogni mattina in un porto diverso, poter scendere e visitare nuovi posti e quando giunge la sera salpare per una nuova meta!
View post
Loading post...
No more posts to load